Storia

Il Porto

Aperto su uno dei tratti di costa più belli della Sardegna offre una struttura tecnicamente perfetta. E' insignito dalla Bandiera Blu d'Europa che qualifica i porti più puliti e meglio attrezzati a livello europeo (qualità dell'approdo, servizi e misure di sicurezza, educazione ambientale ed informazioni). Offre un approdo sicuro ad oltre 650 imbarcazioni.

Il Porto

Via del Molo

Il compito impegnativo di rinnovare la centrale via del Molo è stato affidato nel 2007 ad Emanuel Chapalain, un giovane artista bretone. Questa via rappresenta la "catena alimentare": un percorso scultoreo di un'onda nel quale dei pesci divorano altri pesci, sintetizzando così il circolo continuo della vita. Il materiale utilizzato è granito greggio e arenaria gialla, porfido rosso, basalto grigio e, per le onde, il marmo di Orosei. Gli occhi dei pesci, in vetro di Murano, si accendono di notte grazie a un sistema di led.

Via del Molo


Piazza San Marco

O semplicemente "la piazzetta", è stata progettata dallo scultore Andrea Cascella. La forma è circolare, pavimentata con più di mille blocchetti a forma tronco conica, realizzati con il granito estratto dalle vicine cave e lavorato a mano da abili scalpellini del luogo. Vista dall'alto è una spirale formata da un sigillo anch'esso di granito a forma di cono rovesciato con incisa alla sua base una fenditura che orienta lo sguardo verso il nord.

Piazza San Marco

Chiesa di San Lorenzo    

realizzata e ideata con la nascita del villaggio dagli scultori Andrea Cascella e Mario Ceroli, vi si accede con una solenne gradinata, formata da 35 gradini, che unisce in un unico complesso architettonico la Chiesa e la Piazza San Marco. All’ ingresso troviamo la croce megalitica e al suo interno l'altare, entrambi interamente in granito, opere realizzate sempre dallo scultore Andrea Cascella. L'interno della chiesa ha la forma di una carena di nave rovesciata con migliaia di figure, sagomate in legno di pino di Russia, realizzate dallo scultore Mario Ceroli e che rappresentano personaggi storici di PortoRotondo. Sono raffigurati particolari come il mondo giovanile, l'albero della vita, l'ultima cena, la fuga in Egitto e il giudizio universale. Nel 2008/2009 la Chiesa di San Lorenzo è stata completata grazie all'impegno della neonata Fondazione PortoRotondo con i suoi soci e all'importante contributo del Consorzio. Le ultime opere, realizzate sempre dallo stesso Ceroli, sono state: la torre campanaria, il portale e la vetrata con la deposizione di Cristo, la facciata sud con il suo rosone realizzato a Murano e, tra i capitelli, la dedica a San Lorenzo scolpita nel granito grigio di Sardegna. Inoltre la pavimentazione della piazzetta, facciata sud della Chiesa, ornata dai profili in marmo degli ultimi sei Pontefici: Pio XII (Pacelli), Giovanni XXIII (Roncalli), Paolo VI (Montini), Giovanni Paolo I (Luciani), Giovanni Paolo II (Wojtyla), Benedetto XVI (Ratzinger). Completa la piazzetta dei Papi, il profilo di Madre Teresa di Calcutta.

Chiesa di San Lorenzo

Teatro Mario Ceroli    

Sorge in asse alla Chiesa, alla piazza di Cascella e al porto - come nelle Polis greche. Il progetto ideato negli anni ottanta e realizzato con l'aiuto degli architetti Gianfranco Fini e Marina Sotgiu, prende ispirazione dai teatri greci e romani. Interamente in granito, colpiscono subito il colonnato del palcoscenico e gli imponenti altorilievi che Ceroli ha concepito sul tamburo esterno. L'intera struttura è semicircolare e presenta un palco in legno con un fondale fisso con vetrate. La capacità è di circa 700 posti a sedere.

Teatro Mario Ceroli

Piazzetta delle Ginestre

Situata dietro il complesso commerciale La Residenza sul Porto, di recente costruzione, è caratterizzata dalla presenza di una fontana e di una scultura in marmo bianco, "La tuffatrice", realizzata dallo scultore Giovanni Manganelli.

Piazzetta delle Ginestre

Piazza Deiana

Di recente costruzione, in prossimità della Vecchia Darsena e la Casbah, ospita caratteristici negozi.

Piazza Deiana

Piazza Sangregorio (Vecchia Darsena)

In prossimità del molo centrale, vi si accede anche da piazza Deiana e da piazza San Marco. La piazza della darsena dei pescatori “Piazza Sangregorio”, conosciuta anche come "Vecchia Darsena" è stata realizzata dallo scultore Giancarlo Sangregorio.

Piazza Sangregorio

Piazza Casbah

Piccolo gioiello racchiuso tra le costruzioni circostanti, vi si accede dal porto mediante la ''scalinata a mare'' oppure da piazza Sangregorio. Caratterizzata da piccoli negozi di artigianato e dalla presenza del primo locale di ritrovo di PortoRotondo.

Piazza Casbah

Piazza Paguro (Sporting)

Affacciata sul porto, in prossimità dell'hotel Sporting ospita negozi, un bar e un ristorante. Frequentata principalmente da chi arriva in barca nel suggestivo porto.

Piazza Paguro

Piazza Rudalza

Realizzata con uno stile semplice e raccolto con negozi bar e ristoranti, sovrasta e presidia l’ingresso del porto ed è considerata la più bella terrazza sul mare di PortoRotondo.

Piazza Rudalza

Piazza Quadra

Nasce con i suoi negozi, i ristoranti e una ampia zona a parcheggi. Si trova in uno dei punti nevralgici del villaggio.

Piazza Quadra

La passeggiata del Porto

Si sviluppa lungo il Porto e ha il fascino mediterraneo con le sue tipiche case dai caratteristici tetti rossi. Le deliziose piazzette, i ritrovi eleganti e i simpatici locali, danno al villaggio un’atmosfera pittoresca.

La passeggiata del Porto

Yacht Club Porto Rotondo    

Situato sulla banchina del porto si trova uno dei simboli più caratteristici di Porto Rotondo: lo Yacht Club Porto Rotondo. Fondato nel 1985 da un gruppo di appassionati del mare, legati a vario titolo al luogo, si insediò già dal suo primo anno di vita nello splendido edificio, interamente in legno di larice, realizzato dall’architetto veneto Malgaretto. Nel 1987 lo Yacht Club, pur mantenendo una certa autonomia, venne incorporato come sede “distaccata”, dallo Yacht Club Costa Smeralda, presieduto dall’Aga Khan. In quegli anni la collaborazione attiva con "la casa madre” di Porto Cervo si concretizzò nel vivace scambio di soci autorevoli, nell’intensa attività sportiva internazionale e in prestigiose rassegne di barche d’epoca, per concludersi dopo 10 anni con una separazione consensuale, orientata soprattutto a valorizzare le diverse esigenze dei due Circoli e le specificità che erano andate emergendo nel corso di una lunga, fruttuosa attività in comune.
(Fonte: sito ufficiale dello Yacht Club Porto Rotondo - www.ycpr.it) .

Yacht Club Porto Rotondo
Per informazioni Scrivi a info@consorziodiportorotondo.it
  • PortoRotondo
  • La storia
  • Il comprensorio
  • I punti catteristici
  • Come arrivare
  • Eventi & News
  • Servizi, Numeri, Siti utili
  • Il Consorzio
info_map